Massimo Bontempelli (1946-2011) ha insegnato storia e filosofia in vari istituti superiori di Pisa. Il suo impegno maggiore è stato dedicato ad un tentativo controcorrente di immettere cultura viva, spessore di significati teorici, e strumenti di orientamento etico, nell’insegnamento della filosofia e della storia nella scuola italiana, attraverso corsi ai docenti e pubblicazione di manuali. Tra questi una storia del pensiero filosofico in tre volumi, Il senso dell’essere nelle culture occidentali (Trevisini, 1992). Con Civiltà storiche e loro documenti (Trevisini, 1993), ha dipinto un quadro complessivo e coerente delle civiltà antico-orientale, greca, romana e alto-medioevale. Nel 1996 pubblica Percorsi di verità della dialettica antica. Eraclito - Platone - Plotino ed Eraclito e noi (Spes). Con Petite Plaisance ha pubblicato vari testi, tra cui: Nichilismo Verità Storia. Un manifesto filosofico della fine del XX secolo; La conoscenza del bene e del male; La disgregazione futura del capitalismo mondializzato; Un nuovo asse culturale per la scuola italiana; Tempo e memoria; L’agonia della scuola italiana; Filosofia e realtà. Saggio sul concetto di realtà in Hegel e sul nichilismo contemporaneo; Il respiro del Novecento. Percorso di storia del XX secolo (1914-1945); Il pregiudizio antimetafisico della scienza contemporanea.