Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 299

Alessandro Alfieri

Dal simulacro alla Storia. Estetica ed etica in Quentin Tarantino.

ISBN 978-88-7588-218-1, 2018, pp. 128, formato 140x210 mm., Euro 13 – Collana “il pensiero e il suo schermo” [2].

In copertina:Il volto di Django Freeman (Jamie Foxx) in una scena del film Django Unchained, 2012, scritto e diretto da Q. Tarantino.

indice - presentazione - autore - sintesi

13,00

Introduzione

1. Violenza, vendetta e alterità dopo l’11 settembre

2. Cinema e simulacro:

    citazionismo e autoreferenzialità nell’opera tarantiniana

3. Kill Bill:

    la vendetta che redime e l’universo finzionale

4. Death Proof:

    il metagenere nell’assenza di mondo

5. Inglourious Basterds:

    l’irruzione della Storia e l’infrazione del simulacro

6. Django Unchained:

    la nuova dimensione morale della violenza

7. Conclusioni. Tarantino e il futuro del cinema

Indice dei nomi

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it