Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 371

Silvia Gastaldi, Fulvia de Luise, ** Mario Vegetti / Diego Lanza **, Gherardo Ugolini, Giusto Picone

In ricordo di una amicizia filosofica

ISBN 978–88–7588-282-2, 2021, pp. 120, formato 140x210 mm, Euro 13 – Collana “Il giogo” [128].

In copertina: Raffaello Sanzio, Autoritratto con un amico, Parigi, Museo del Louvre, 1518-1520 circa.

indice - presentazione - autore - sintesi

13,00

Diego Lanza e Mario Vegetti sono stati due importanti accademici, ma non solo. Sono stati due amici, e questo aspetto ha influito molto sul loro contributo scientifico, che si è reciprocamente arricchito dell’apporto che ciascuno ha fornito all’altro. È noto, infatti, che solo una profonda amicizia consente una proficua dialettica, e la dialettica costituisce il lievito di ogni dinamica culturale.

Diego Lanza e Mario Vegetti, per quanto siano stati principalmente due storici del pensiero antico, sono stati anche – come ha rilevato giustamente Silvia Gastaldi con riferimento soprattutto a Mario Vegetti – due filosofi. Hanno cioè saputo rapportarsi alla realtà non solo tenendo come riferimento il proprio ambito specialistico, che hanno peraltro significativamente contribuito ad allargare, ma come un intero complesso, in cui la valutazione dell’elemento sociale, politico anche – come ha rilevato giustamente Fulvia de Luise con riferimento soprattutto all’interpretazione platonica della Repubblica di Mario Vegetti –, risulta imprescindibile.

Per questo il pensiero di Lanza e Vegetti è di una tale ricchezza che non può essere circoscritto nell’ambiente accademico. L’elemento umano, comunitario – come emerge, soprattutto per Diego Lanza, dai ricordi qui presentati sia da Giusto Picone che da Gherardo Ugolini – che ha unito questi due studiosi per oltre sessanta anni, quasi settanta (dalla prima liceo al «Manzoni», nel 1952), risulta una chiave importante per comprendere il loro pensiero.

Per questo motivo petite plaisance, oltre alle ormai numerose iniziative editoriali relative alla pubblicazione dei lori libri, ha deciso di ricordarli, a tre anni dalla loro scomparsa, con questo piccolo volume della collana il giogo, insieme appunto, significativamente, ai testi accompagnatori degli studiosi poc’anzi menzionati, che ne hanno condiviso la vita e l’esperienza culturale.

petite plaisance

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it