Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Ebook 1004

YASHAR KEMAL

La parola dei curdi

[pubblicato su Koinè, Periodico culturale – Anno VI – Nuova serie – NN°3/5 – Luglio/Dicembre 1998], pp. 5.

presentazione - autore - sintesi

download

Yashar Kemal (il cui vero nome è Kemal Sadik Gökceli) è considerato uno dei maggiori scrittori viventi, tanto che più volte è stato candidato al Nobel. Ed è anche uno dei più energici propugnatori delle istanze della cultura curda. Un uomo che si è sempre impegnato per la pacifica convivenza tra popoli, culture, lingue diverse, come ben testimonia il discorso pronunciato il 19 ottobre scorso alla Fiera del libro di Francoforte in occasione del conferimento del Premio per la pace dei Librai tedeschi. Intervento del quale sopra riportiamo ampi stralci. Un’attività per la pace e per i diritti delle minoranze che ha sempre dato fastidio a molti, soprattutto alle autorità di Ankara. E, infatti, nel corso della sua esistenza, lo scrittore è finito più volte in carcere, ed è stato sottoposto a processi per le sue idee. Un autore di fama mondiale, ma che da noi finora non ha forse il risalto che merita. L’editore italiano di Kemal, il milanese Tranchida, pubblica Terra di ferro, cielo di rame, secondo volume della cosiddetta «Trilogia della montagna», la cui pubblicazione è iniziata nel 1996 con Al di là della montagna e che si completerà con L’erba che non muore mai. Il suo romanzo di maggior successo è Memed, il falco, del 1965, tradotto in oltre trenta lingue.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it