Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Ebook 1095

Diego Fusaro

La gabbia d’acciaio: Max Weber e il capitalismo come destino.

Articolo pubblicato su Koinè, Periodico culturale – Anno XVI  – Gennaio-Giugno 2009 –  Direttore responsabile: Carmine Fiorillo – Direttori: Luca Grecchi, Diego Fusaro, pp. 20.

indice - autore

download

Indice

 

Due grandi linee interpretative.

 

Addentriamoci nella prospettiva di Weber.

 

Il concetto di razionalizzazione.

 

Il “disincantamento del mondo”.

 

Il significato da attribuire al fenomeno del capitalismo.

 

L’organizzazione razionale della società basata sul concetto di “professione”.

 

L’originale contributo weberiano alla “teoria della secolarizzazione”.

 

La distanza abissale che separa la prospettiva weberiana da quella marxiana.

 

Il trionfo contrastato, nel mondo moderno, della soluzione weberiana, ancorché diversamente declinata.

 

Il tratto fondamentale della nostra epoca.

 

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it