Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 049

Marco Salvioli

Kenosi e De-centramento. Il concetto di Dio tra J. Derrida e M. C. Taylor.

ISBN 88-87296-63-4, 1999, pp. 64, formato 140x210 mm., Euro 7,00 – Collana "Divergenze" [28].

In copertina: P. Klee, Crisi di un angelo, 1939 (Collezione privata, Svizzera).

indice - presentazione - autore - sintesi

7,00

Il pensiero del Novecento, coinvolto progressivamente nel continuo flusso della deriva ateistica nietzcheana cui ha fatto eco l’affermazione heideggeriana sull’essenza del pensiero che «non può esser teista più di quanto non possa esser essere ateo»,1 si trova di fronte ad una domanda fondamentale: come pensare Dio dopo l’annuncio della “sua morte”? Ovvero, è ancora possibile nel tentativo dell’oltrepassamento della metafisica una pur rinnovata teologia filosofica? Infine, facendo epochè dell’esperienza religiosa, quale il valore del segno “Dio”?

 

Il presente scritto intende percorrere i sentieri tracciati da queste domande sul terreno instabile della pratica decostruttiva, cercando di evidenziare la strategia con la quale Jaques Derrida cerca lo “scivolamento” del concetto “Dio” nella scrittura al fine di definirla e differirla come «struttura senza centro» o «gioco senza riserve».

 

Tre momenti si divideranno lo spazio di questa breve ricerca: la prima parte, Theologiae in limine, si occuperà di tratteggiare l’ambiente filosofico all’interno del quale accade la riflessione di Derrida, dando un minimo riferimento ad alcuni tra gli autori che più gli hanno dato da pensare (Hegel, Nietzsche e Heidegger), anche per la considerazione teologica; la seconda parte, Il Dio inscritto, cercherà di commentare i passi del testo derridaiano nei quali compare più chiaramente la problematica teologica, in particolare i due scritti sulla teologia negativa: Comment ne pas parler e Post-Scriptum. Apories, voices et voix; questa sezione sarà condotta con l’appoggio interpretativo dell’opera di Mark C. Taylor, Erring. A postmodern A/theology, al quale devo molto della mia lettura di Derrida.

 

Infine ho desiderato soffermarmi brevemente sulle prospettive che possono aprire le riflessioni di cui sopra per lo sviluppo di una cristologia filosofica che segua il tentativo di un linguaggio non-metafisico, sulla scia del lavoro, forse non adeguatamente considerato, di X. Tilliette, per ricordarmi e ricordare che il pensiero non ama gli steccati e l’impegno intellettuale nell’interrogazione radicale può fornire strumenti efficaci anche alla teologia più fedele, ma anche, a volte, più arroccata in difese troppo timorose.

Salvo il rispetto per le “inconciliabili differenze”.

 

 

 

1  M. Heidegger, Lettera sull’umanismo, in Segnavia, Adelphi Edizioni, Milano 1987, p. 303.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it