Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 275

Staffan Nihlén

La prudenza del segno.

ISBN 978-88-7588-183-2, 2017, pp. 40, formato 275x223 mm., Euro 5, Collana “Egeria [19]]

In copertina: Staffan Nihlén, Senza titolo, 2016.

indice - presentazione - autore - sintesi

5,00


Staffan Nihlén

è nato nel 1929 a Stoccolma in una famiglia di tradizioni culturali che gli ha consentito d’incontrare o stringere amicizia con autori come Karin Boye, Harry Martinson e Stig Dagerman, tanto per citarne solo alcuni. In Svezia, presso l’Accademia Reale di Belle Arti, ha compiuto una parte dei suoi studi nel campo della pittura, della grafica, e della scultura a cui si è dedicato, praticamente in esclusiva, a partire dagli anni Sessanta. La sua formazione si è completata, però, anche in Francia – a Parigi, dove incontra Nicolas de Staël e Bazaine –in Italia – all’Accademia di Belle Arti di Venezia e di Roma, città dove frequenta tra gli altri Twombly, Burri, Fontana e Afro –, e in Inghilterra, a Londra, presso la Saint Martin School of Art, con Anthony Caro; per non dire degli altri suoi soggiorni di studio a Berlino, New York, Madrid, Milano – dove ha conosciuto Marino Marini – e via dicendo. Ha esposto le sue opere in Inghilterra, Svezia, Francia, Norvegia, Germania, Danimarca, Usa e Italia; e i suoi lavori sono presenti in collezioni private e musei prestigiosi. Sposato alla giornalista norvegese Karin Holst, vive tra Lund e Levanto, ma viaggiando di frequente nelle varie città italiane dove può studiare da vicino i capolavori dell’arte mediterranea che tanto ama: le sculture di Antelami, Tino da Camaino, Giovanni Pisano etc. Fra le sue pubblicazioni: Mediterraneo. Poesia e scultura, Ellerströms, Lund, 1996; Sull’arte (a cura di Daniela Marcheschi) in «Kamen’» n. 10 /1997; la cura delle confessioni e dei pensieri di Marino Marini nei Quaderni di Via del Vento, Pistoia, 1996 (seconda edizione 1997).

Opere

I väg (1970), vitlackerad stålplåt, Skulpturparken vid Skissernas Museum i Lund

Havsvåg (1972), stålplåt, Krusegatan 19 i Malmö

Sköld (1974), målat cortenstål, Skulpturparken vid Skissernas Museum i Lund

Ljusskulptur i brunn (1978), stålplåt, Sommarlust i Kristianstad

Fågelbad (1979), cortenstål, Fågelskolan, Gässlingavägen i Lund

Förvecklingar (1986), stålbalkskonstruktioner, Bara

Mänsklig åtbörds varsamhet (1991), marmor, Kattesund i Lund

Pienza (1992-93), portugisisk marmor, Raoul Wallenbergs plats i Malmö

Dold i sitt eget ljus (1995), granit, Wieselgrensgatan 11, i Lundby, Göteborg

Det bevingade ordet (1998), marmor, Krusegatan 19 i Malmö

Kropp och havssnäcka (1998), portugisisk marmor (Rosso di Portogallo), Kaptensgårens skulpturpark vid Landskrona Konsthall

Marmorlyran (Hjalmar Gullberg-monumentet, marmor, utanför Malmö stadsbibliotek

Den rosenfingrade, Skolgatan 11-13 i Lund

Auroras seger, ön i Gavleån i Gävle

Eos, den rosenfingrade, portugisisk marmor, Clemenstorget i Lund

Förvecklingar, stål, Lokvändarplatsen i Klågerup

Famnande, Västra Storgatan/Per Ohlsgatan i Sölvesborg



© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it