Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Ebook 1070

Costanzo Preve

Il tempo della ricerca. Saggio sul moderno, il post-moderno e la fine della storia.

Vangelista, 1993, pp. 127. Il libro viene reso fruibile gratuitamente in formato PDF con l’autorizzazione dell’autore.

indice - autore - sintesi

download

Per più di un secolo, la filosofia ispirata a Marx e al marxismo ha concepito il comunismo sotto il segno della certezza, cioè del suo avvento sicuro dopo la conclusione del modo di produzione capitalistico. Ci troviamo oggi nel tempo dell’incertezza, ed è necessario che questo dato venga assunto filosoficamente e sviluppato sistematicamente.

Nella prima parte di questo saggio la filosofia comunista viene radicalmente riesposta sulla base del dato del tempo dell’incertezza. Vengono ridefinite nozioni comuni (capitalismo, imperialismo, nazionalismo, democrazia, fascismo, socialismo, stalinismo, trotzkismo). E’ criticato su tre punti essenziali il paradigma originale di Marx (teoria delle Classi, del Lavoro e dei Bisogni). Viene ridefinita la serie delle dicotomie abituali del pensiero comunista (Borghesia/Proletariato, Classe Operaia/Burocrazia, Progresso/Conservazione, Scienza/Ideologia, Ateismo/Religione, Materialismo/Idealismo, Dialettica/Differenza, Libertà/Eguaglianza.

Nella seconda parte del saggio il tempo dell’incertezza si configura come tempo della ricerca. Vengono discusse le tre nozioni di Moderno, Post-Moderno e Fine della Storia, unificate sotto il segno della contemporaneità come tempo dell’incertezza e della ricerca. Vengono esposte le principali teorie in proposito (Habermas, Lyotard, Cournot, Fukuyama, Anderson, Jameson, Harvey). Si analizzano le differenti dimensioni della totalità sociale (artistiche, epistemologiche, culturali). Si individua infine in una nuova classe globale post-moderna in formazione il luogo contraddittorio in cui è possibile lavorare per una nuova comunità umana sulla base di un’apertura autoriflessiva della stessa natura umana. Non è una certezza. Ma è un possibile orizzonte comunista nel tempo dell’incertezza e della ricerca.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it