Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 002

Gianfranco La Grassa

Il capitalismo oggi. Dalla proprietÓ al conflitto strategico. Per una teoria del capitalismo.

ISBN 88-7588-099-9, 2004, pp. 192, formato 170x240 mm, Euro 15  Collana Divergenze  [39].

In copertina: M. Chagal, Il giocoliere.

indice - presentazione - autore - sintesi

15,00

In questo volume l’autore, pur non rinnegando la sua formazione marxista, tenta comunque un radicale mutamento di paradigma rispetto al marxismo classico, che sembra ormai abbandonato, e sconfessato, da quasi tutti coloro che in passato si crogiolavano in esso. Il passaggio dalla centralità della proprietà dei mezzi di produzione – considerata quale carattere fondamentale del capitalismo soltanto in date fasi di sviluppo di tale formazione sociale – a quella del conflitto tra le varie strategie dei gruppi dominanti, implica profonde trasformazioni dell’impianto teorico formulato da Marx. Le conseguenze di questo mutamento paradigmatico sono tante che non possono essere sintetizzate in poche righe. L’autore affronta i punti nodali di oltre un secolo di dibattito marxista, mostrando i lati decisamente superati e storicamente confutati della vecchia impostazione e la possibilità di un deciso rinnovamento teorico. Certamente, viene persa la convinzione dell’inevitabile superamento del capitalismo grazie all’acuirsi della contraddizione tra capitale e lavoro (tra borghesia e proletariato o classe operaia) supposta, in tempi non lontanissimi, come causa decisiva di una rivoluzione in direzione del socialismo e comunismo. Nella storia ci sono probabilità e non necessità, sviluppi non lineari né predeterminati nel loro sbocco. L’elemento più dinamico della trasformazione sociale sembra essere la conflittualità intercapitalistica (non solo di carattere economico), che apre congiunture di crisi aperte alla possibilità di soluzioni diverse, molte delle quali sono solo passaggi di fase interni al capitalismo stesso.

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it