Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. ebp 141

Costanzo Preve

Il marxismo e la tradizione culturale europea. 

ISBN 88-7588-024-7, 2009, pp. 128, formato 170x240 mm., ex prezzo di copertina € 15 – Collana “Divergenze” [41].

In copertina: R. Magritte, Il liberatore, 1947,  olio su tela, Los Angeles County Museum of Art.

indice - presentazione - autore - sintesi

5,00

Questo studio, dedicato al rapporto fra il marxismo e la tradizione culturale europea, è strutturato secondo un ben preciso ordine logico e storico.

Nella Premessa si chiarisce come l’attuale tramonto della discussione sul marxismo sia probabilmente temporaneo e congiunturale, perché è legato a processi di rimozione, silenziamento ed elaborazione del lutto della generazione del Sessantotto europeo, oggi dominante negli apparati politici, mediatici ed editoriali.

Nell’Introduzione si affronta il problema del rapporto del marxismo con la Questione Sociale e la Questione Nazionale, entrambe ben presenti nell’Europa di oggi, sia pure in forma molto diversa sia dall’Ottocento che dal Novecento.

Nel primo capitolo si discutono le tre principali eredità europee del pensiero originale di Karl Marx, l’escatologia di origine giudaica e cristiana del senso orientato della storia, la filosofia illuministica della storia ed infine la scienza filosofica complessiva dell’idealismo tedesco.

Nel secondo capitolo si discutono i rapporti del marxismo storico centenario europeo (1889-1989) con tre grandi correnti culturali europee successive, e cioè nell’ordine il positivismo, l’esistenzialismo e il postmoderno.

Nel terzo capitolo si propone un’originale interpretazione storiografica complessiva dell’intero ciclo di sviluppo storico, oggi ormai concluso e conchiuso, del comunismo storico novecentesco realmente esistito (1917-1991).

Nel quarto ed ultimo capitolo, infine, si discute dell’identità culturale europea alla luce delle considerazioni svolte in precedenza. Per l’autore questa identità presuppone una vera indipendenza economica, geopolitica e militare, ed è incompatibile sia con l’identificazione dell’Europa con l’Occidente, sia con la sottomissione dell’Europa agli obbiettivi strategici di un nuovo Impero Mondiale.

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it