Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 228

Giulio Biondi

Mio caro Marco. In appendice: Amori dispersi.

ISBN 978-88-7588-141-2, 2015, pp. 112, formato 140x210 mm., Euro 13.

In copertina: Giulio Biondi, La Staccionata, 2014.

indice - presentazione - autore - sintesi

13,00

Mio caro Marco è la storia d’amore fra due ragazzi, Duccio e Marco, che si conoscono per caso e piano piano intrecciano le loro esistenze in una relazione appassionata.

Precipitato in una profonda crisi in seguito alla fine per lui inspiegabile del rapporto, Duccio decide di scrivere all’amato una lunga lettera per colmare il vuoto che si è aperto nella sua vita. Sospeso fra il ricordo di un passato irrecuperabile e le difficoltà di un presente drammatico, affida ai messaggi scambiati con il cellulare il compito di ripercorrere le tappe fondamentali dei giorni trascorsi insieme, alla ricerca di spiegazioni e risposte che non troverà.

La lettera si trasforma in un diario nel quale Duccio intesse un dialogo immaginario con il compagno perduto; confidando nella capacità catartica della scrittura, rende partecipe l’altro dei suoi stati d’animo, del suo dolore, ma anche della ritrovata capacità di guardare al futuro e di sperare in una rinascita.

In appendice al racconto, nelle tredici poesie della raccolta Amori dispersi, l’Autore tratta i temi dell’amicizia e dell’amore, riservando uno spazio privilegiato alle risonanze interiori delle esperienze vissute.

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it