Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 247

Beniamino Biondi

La disciplina giuridica del settore cinematografico in Italia.

ISBN 978-88-7588-247-4, 2016, pp. 112, formato 140x210 mm., Euro 13.

In copertina: Insegna e vecchio cinema comunale di Crespino (RO), Agosto 2005. Foto di Enrico Andreotti. L'insegna è caduta nel 2006.

indice - presentazione - autore - sintesi

13,00

Indice

 

 

 

 

Introduzione

 

I. La nascita del cinema

1. Le origini        

1.1. Le prime cinematografie nazionali

 

II. Il cinema del ventennio fascista

2. Introduzione

2.1. La politica cinematografica del fascismo

2.2. La Stato tra censura e protezionismo

2.3. Gli interventi sulla industria cinematografica

2.4. Il LUCE dal dopoguerra alla fine del secolo

 

III. I finanziamenti allo spettacolo in epoca fascista

3. Introduzione

3.1. Gli incentivi dal 1935 alla fine del regime        

I

V. L’industria cinematografica nel dopoguerra

4. La nascita del Neorealismo

 

V. Impresa cinematografica

5. L’ordinamento giuridico italiano

5.1. Le imprese di produzione

 

VI. Dal Ministero della Cultura Popolare al Ministero del Turismo e dello Spettacolo

6. La nascita

6.1. La disciplina amministrativa della cinematografia

 

VII. La legge Cinema

7. La legge nr. 1213/1965

7.1. Il finanziamento nell’ordinamento italiano

 

VIII. Dalla nascita delle Regioni alla abrogazione del Ministero del Turismo e dello Spettacolo

8. L’idea federalista

8.1. Epoca successiva alla abrogazione del Ministero

 

IX. La legge «madre» n. 163/1985

9. Il fondo pubblico dello Spettacolo

9.1. Decentramento amministrativo e federalismo: le competenze di Stato, Regioni ed Autonomie Locali

9.2. Gli anni Novanta e la crisi del Fondo Unico

9.3. Il FUS negli ultimi anni

 

X. Legge Costituzionale n. 3/ 2001

10. Modifiche al titolo V della Costituzione

10.1. Area cultura: riparto di competenze dal punto di vista della Corte Costituzionale

 

XI. I finanziamenti regionali alla produzione cinematografica

11. Brevi premesse

11.1. Cenni sull’excursus normativo

11.2. La natura dei contributi, i soggetti gestori dei fondi ed i requisiti di eleggibilità

.3. La normativa regionale

11.4. Conflitti istituzionali: le sentenze della Corte Costituzionale

 

XII. La riforma «Urbani»

12. Il Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 28

12.1. I criteri per la concessioni di contributi alla produzione

12.2. Modalità di assegnazione dei contributi sugli incassi

12.3. I criteri di concessione di contributi alle attività promozionali

12.4. I criteri di finanziamento all’esercizio cinematografico

 

XIII. Tax Credit e Tax Shelter

13. La Legge finanziaria 2008

13.1. Dm 7 maggio 2009 : Tax Shelter

13.2. Dm 7 maggio 2009 : Tax Credit

13.3. L’architettura della norma

13.4. Iter procedurale ai fini della detassazione

 

XIV. Le agevolazioni fiscali nel mercato europeo

14. La disciplina degli aiuti di Stato

14.1. La c.d. deroga culturale

14.2. Cinema e settore audiovisivo

14.3. Recenti evoluzioni

14.4. Eurimages

 

XV. Il Decreto «Valore Cultura»

15. Il Decreto legge 8 agosto 2013, n. 91

15.1. Le novità in ambito cinematografico

 

XVI.  La riforma dei criteri di erogazione del Fondo Unico per lo Spettacolo dal Vivo

16. Il D.M. 1 luglio 2014

16.1. Le innovazioni più rilevanti

 

Conclusioni

 

Riferimenti bibliografici

 

Siti internet consultati

 

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it