Ci rivolgiamo a lettori che vogliano imparare qualcosa di nuovo, che dunque vogliano pure pensare da sé (K. Marx). – Chi non spera quello che non sembra sperabile non potrà scoprirne la realtà, poiché lo avrà fatto diventare, con il suo non sperarlo, qualcosa che non può essere trovato e a cui non porta nessuna strada (Eraclito). – ... se uno ha veramente a cuore la sapienza, non la ricerchi in vani giri, come di chi volesse raccogliere le foglie cadute da una pianta e già disperse dal vento, sperando di rimetterle sul ramo. La sapienza è una pianta che rinasce solo dalla radice, una e molteplice. Chi vuol vederla frondeggiare alla luce discenda nel profondo, là dove opera il dio, segua il germoglio nel suo cammino verticale e avrà del retto desiderio il retto adempimento: dovunque egli sia non gli occorre altro viaggio (M. Guidacci).



Skype Meâ„¢!
Condividi



Petite Plaisance Editrice
Associazione Culturale
senza fini di lucro

Via di Valdibrana 311
51100 Pistoia
tel: 0573-480013

e-mail:
info@petiteplaisance.it

Cat.n. 231

Lorenzo Dorato

Relativismo e universalismo astratto. Le due facce speculari del nichilismo. Bene e Verità come concetti “rivoluzionari” alla base di un universalismo sostanziale e di una critica radicale del capitalismo.

ISBN 978-88-7588-134-4, 2015, pp. 80, formato 140x210 mm., Euro 8 – Collana “Il giogo” [63]

In copertina: Annibale Carracci, Allegoria della Verità e del Tempo, 1584 - 1585, Royal Collection, Hampton Court.

indice - presentazione - autore - sintesi

8,00

 

 

 INDICE

Introduzione

 

Il relativismo e la verità

La funzione positiva della “relativizzazione”, come pratica provvisoria diversa dal “relativismo”

 

Universalismo astratto e procedurale. L’altra faccia del relativismo

 

Universalismo astratto, individualismo, comunità

 

Relativismo e universalismo astratto come doppia base dell’ideologia e della “cultura” capitalistica. Nichilismo della merce e compensazione universale pseudo-umanistica fondata sui pilastri concettuali della libertà e del progresso

 

L’universalismo astratto e procedurale e la teologia interventistica occidentale della democrazia e dei diritti umani

 

Relativismo e universalismo astratto. Un’unica cultura alla base dell’individualismo e del nichilismo occidentale

 

Verso un universalismo sostanziale

 

Dal buon universalismo incompleto della Giustizia di classe e dell’uguaglianza sostanziale, all’espli­citazione del concetto di Bene per un universalismo sostanziale

 

Per una metafisica sociale e personale del Bene come base di un pensiero forte anti-capitalistico

 

Il moralismo come forma di “universalismo astratto relativistico”

 

L’ipostatizzazione sociale come forma di “universalismo astratto relativistico”

 

Metafisica del Bene e unificazione dei concetti di Bene e Giustizia

 

La Metafisica del Bene e il pensiero di Marx

 

Il pilastro irrinunciabile della teoria strutturale dei modi di produzione di Marx e le due necessarie integrazioni filosofiche. Per una filosofia politica dell’universalismo sostanziale

 

La Metafisica del Bene e il comunismo storico novecentesco

 

Bene e Verità come concetti rivoluzionari alla base di un universalismo sostanziale

 

Bene immanente e bene trascendente. Oltre le angustie di una falsa contraddizione

 

Sovranità comunitaria e universalismo. L’universalismo sostanziale come faticosa, ma necessaria soluzione dell’apparente antinomia

 

Conclusioni

© Editrice Petite Plaisance - hosting and web editor www.promonet.it